Category Archives: scuse

Riconquistare la fiducia di un uomo

Ciao vorrei riconquistare la fiducia del mio compagno dopo una lite lo lasciato, lui dice che sono bugiarda, non vuole capire che non è vero dice di dimenticarlo, che noi donne siamo complesse. Io voglio farlo ritornare da me grazie

Tina

 

Ciao Tina,
prima di risponderti concedimi due righe per scusarmi per il ritardo nelle risposte con i tanti amici che stanno inviando richieste in questi giorni. E’ un periodo bollente di impegni, scadenze e traslochi e spero di tornare pienamente operativo fra poche settimane.

Il primo passo per far ritornare il tuo amico, Tina, è dimenticarti quello che lui ti ha detto. Le “spiegazioni” che ti ha fornito non sono il manuale di istruzioni, bensì il suo modo per scaricare su di te la responsabilità di una scelta che è tutta sua. Se continui a tentare di convincerlo, lui continuerà a percepirti come e condiscendente, due caratteristiche che non propiziano il desiderio di legarsi. Sorprendilo, invece: smetti improvvisamente di insistere e, se lui ti dovesse chiedere qualcosa, limitati a dirgli amichevolmente che hai tratto le tue conclusioni e non hai più il desiderio di sentirlo. Resta in disparte per un po’ – almeno un mesetto – e poi riavvicinati, questa volta con l’atteggiamento di una che non ha bisogno di chiedere nulla.

Un caro saluto,

Andrea

Riconquistalo – Corso completo di Andrea Benedet (download)

 

Ragazza ritrosa

Ciao Andrea,sto frequentando una ragazza molto bella ma anche molto timida, fa fatica al contatto fisico ma non è quello il punto anche se vorrei un consiglio nonostante le piaccio molto. Inizia ad aprirsi e inizia pure a mandarmi messaggi però probabilmente si sente ancora col suo ex. Cosa farebbe un maschio alpha per farsi desiderare e rifuggire il suo ex? Io rimango molto sulle mie e faccio un po’ il distaccato e lo stronzo. Non la sento da ieri poiché ha solo un giorno libero questa settimana ma dice che è impegnata. Faccio bene a fare il distaccato poiché, ripeto, secondo me è perché si sente ancora col suo ex e se sono troppo presente rischio di perderla e la cosa mi farebbe incazzare con me stesso?
Spero in una risposta.
Grazie!!!
Yyz

 

Caro Xyz,
possiamo pensare che una non si decide concedersi perché ha ancora il suo suo ex. Oppure possiamo pensare che una ha ancora in mente il suo ex perché non si decide a concedersi. Io di default propendo sempre per la seconda, ovvero: tocca a te convincerla, il resto sono chiacchiere. Come? Mostrandoti deciso nel tuo corteggiamento e sicuro nei tuo approcci. La sicurezza è un virus altamente contagioso: mostrati determinato e anche la sua timidezza passerà in secondo piano.
Un caro saluto,

Andrea

Come conquistare una ragazza in 30 giorni o meno >

Strana relazione

Sono una donna sposata e da circa tre mesi sto vivendo una strana relazione con un uomo separato: da amici siamo passati a qualche cosa di più  a settembre, quando si stava lasciando dalla sua prima morosa, con la quale conviveva da 5 anni e con la quale aveva ripreso un rapporto inizio estate in seguito ad una rottura con E. la donna di cui si era perdutamente innamorato l’inverno scorso  e che si erano poi  lasciti a maggio per problemi di gelosia.   Lui sembrerebbe una persona seria e fedele  che vorrebbe vivere una relazione che lo appaghi sia dal punto di vista sesso ed amore. Durante il breve periodo trascorso con me si è dimostrato dolcissimo, e ha sempre dichiarato di volermi un gran bene, al punto tale di vivere una storia in parallelo da Settembre a Novembre. E’ molto attratto da me anche se dimostra sempre di essere rispettoso nei miei confronti… tende a non andare altre per non farmi stare male… Ora che dal mese di Dicembre ha ripreso il rapporto con E., dice di volermi sempre molto bene dal profondo del cuore e che non ha intrapreso la nuova strada con me perché sono sposata ed avendo già vissuto lui una separazione sa cosa di prova, quindi preferisce andare avanti con E. che è separata. Ora mi domando… ritenendolo un ragazzo comunque serio, che sta cercando una relazione seria, come può dire di volermi bene, di volermi stare vicino più che può senza più farmi soffrire e contemporaneamente andare avanti con E.? Mi prega di non sparire, mi lascia bigliettini sull’auto con “Ti voglio bene bacio” e quando l’ho rivisto dopo una pausa di una settimana perché ero sconvolta mi bacia sulla guancia e poi di dice… vai perché altrimenti non so come reagisco.  Io lo adoro, e ne sono profondamente innamorata e per lui sarei disposta a tutto e lui lo sa. Come devo comportarmi? Come devo valutarlo? Perché cosi con me… mi vuole veramente bene o cosa sta provando?
Paola

 

Cara Paola,
non voglio emettere giudizi sbrigativi, tanto meno per corrispondenza, ma ti invito a considerare la situazione anche sotto altri punti di vista. “Non voglio farti soffrire” è una frase dietro cui si possono nascondere tante situazioni di comodo. E certi comportamenti non chiari si celano meravigliosamente dietro nobili motivazioni di principio, che in realtà non sono altro che alibi inattaccabili per perpetuare uno degli sport maschili più gettonati: il non decidere.
E’ vero, quest’uomo non “approfitta” fisicamente del rapporto. E del resto l’immagine del maschio appagato solo dal contatto sessuale è un cliché che forse sarebbe ora di archiviare. Ciò che lo gratifica, almeno in questa fase, è la tua amicizia, la tua compagnia, la tua dedizione. Queste risorse hanno per te un prezzo, che alla lunga rischi di pagare in termini di aspettative e speranze disilluse. Sei tu, quindi, che devi decidere se questa “affettuosa amicizia” che lui ti ha imposto ti va bene, e continuare a vivere questa storia nella serenità del momento. Diversamente, chiarsici  – a te stessa innanzitutto e poi a lui – quali sono le tue aspettative per un rapporto. E se lui dice di amarti davvero, non accettare scuse, tattiche dilatorie, compromessi o ambiguità. Chi ama davvero ama una persona, non due. E la ama con tutte le espressioni dell’amore.

Un caro saluto e buon Natale,

Andrea

Se lui lascia per problemi di lavoro

Se ti dicessi che mi ha lasciata a causa dei problemi di lavoro e familiari che ora lo circondano? Se aggiungessi anche che pur volendoci bene ha deciso che la mia vita fuori dai suoi casi sarà migliore? Ho già acquistato il manuale ma farà nal caso mio? La confusione è tanta quanta la voglia di salire sul primo treno e andarmelo a riprendere ma non vorrei peggiorare la situazione.
Non riesco ad accettare che stiamo bene insieme, potremmo essere felici ma dei fattori esterni ci impediscano di realizzare il tutto. Posso fare qualcosa o devo semplicemente affidarmi al silenzio e alla speranza? Solitamente non sono una ragazza che rimane a guardare!
Erica

Cara Erica,

e se io ti dicessi che è molto raro che un uomo lasci “per fattori esterni?” Se ti dicessi che ci sono miglialia, più probabilmente milioni di coppie che stanno insieme nonostante i “fattori esterni”. E che anzi, in virtù di quel meccanismo che definiamo “causa ostativa”, nella coppia trovano un’oasi felice ove ripararsi da un lavoro che non va o combattere uniti contro una famiglia ostile? E se aggiungessi che “la tua vita sarà migliore” – una variante solo un po’ meno scontata di “ti lascio perché ti amo troppo” – ha tutto il sapore della classica fesseria maschile (chiedi a un amico sincero per conferma)?
Dunque Erica, tu puoi benissimo seguire l’instinto e saltare sul primo treno. I casi della vita sono imrpevedibili, e chissà che il tuo amico, commosso dopo aver incassato l’ennesima conferma della tua incondizionata devozione, non decida di capitolare ai tuoi piedi. Ma se vuoi il mio parere, prova a vedere la cosa da un’altra prospettiva: cose come affidarsi per un po’ al silenzio, per esempio, non significano rassegnarsi a rimanere a guardare.
Un caro saluto,
Andrea

 

 

Questo sito *non* fa uso di cookie a fini di profilazione o di marketing. A tutela della privacy dei nostri visitatori, utilizziamo solo cookie tecnici strettamente indispensabili alla navigazione e per conteggiare il numero di visite. | Ok, chiudi.