Category Archives: amante

“Io, mia moglie e lei”

Siamo amanti. Lei mi ama, ma essendo io sposato, non può avere una relazione
vera e duratura si sente messa sempre da parte non vuole più continuare. Mi ama alla morte quando ci sentiamo parliamo di sesso con libertà al
cellulare ridiamo giochiamo. Ma appena le dico se ci vediamo mi dice che non se la sente.
Gero

Ciao Gero,
vista da fuori, la tua situazione potrebbe essere riassunta in questi termini — correggimi se sbaglio:
– lei vorrebbe tanto stare con te;
– tu però sei sposato;
– lei sta cercando di metterti alle strette perché tu non ti decidi.

Sei d’accordo? Bene, che consiglio daresti tu a un amico che si trova in questa situazione? Probabilmente lo stesso che ti do io: “deciditi!”

Comportarsi in modo etico alla lunga paga, anche quando costa rinunce, di questo io sono convinto. Ma si tratta di valutazioni personali, e non mi permetto certo di dettarti la tue decisioni. 

Anche perché l’opzione B (non decidere e continuare a fare finta di nulla) da alcuni punti di vista non è necessariamente perdente. La tua, infatti, potrebbe benissimo essere una delle tante relazioni che, più o meno consciamente, si reggono sul fascino proibito della clandestinità. E può darsi che la tua amante sia disposta ad accettare de facto il suo ruolo, se lo acquisisce come una situazione che non può cambiare. Per verificare questa ipotesi, la cosa da fare sarebbe tagliare corto con le richieste e le recriminazioni, non mostrarsi toccati dal suo sottrarsi (che con tutta probabilità è un modo per chiedere attenzione) e tirare dritto finché sarà lei a cedere. Mostrare il polso spesso funziona. Noi umani, lo sappiamo, siamo esseri emotivi più che razionali. 


Ricapitolando, puoi provare quest’ultima strada, oppure allargare il tuo sguardo e provare a vedere in questo cambio di rotta del tuo ménage un’opportunità: quella di mettere un po’ di ordine fra le priorità della tua vita. E compiere delle scelta che, forse, finora hai rimandato.


In bocca al lupo,
Andrea

Come sedurre la cognata

Ciao, ho appena acquistato il tuo libro ed è fantastico! Ho 37 anni e sono sposato da 5. Da qualche mese mi sono innamorato di mia cognata,anch’essa sposata (ma credo insoddisfatta). La mia è attrazione fisica,ma anche intellettuale in quanto è molto raffinata, elegante e passionale,esattamente come me.Molto spesso in presenza dei partner e amici lei mi fa battute a sfondo sessuale a cui io ribatto a tono.Ieri mi sono deciso a dichiararmi;lei mi ha detto che che non dirà niente a nessuno, ma non potrebbe mai fare una cosa simile a sua sorella.Come posso conquistarla?
Grazie in anticipo
   Francesco

Ciao Francesco,


la risposta che hai avuto alla tua “dichiarazione” è l’unica risposta che tua cognata avrebbe potuto darti: come tutte le verbalizzazioni, non fa altro che rispecchiare una constatazione del senso comune, senza rivelare autentiche intenzioni.  La verità è che dichiarazioni e risposte contano zero. Conquiste (e riconquiste) si costruiscono con il comportamento: se questa donna ti piace, agisci. Provaci esplicitamente. Oggi. Il tuo ardimento sarà ai suoi occhi la più seducente testimonianza del tuo valore maschile.


Mi permetto di aggiungere che un tradimento, anche quando riesce, non è mai una vittoria. Spero che questo tuo desiderio di tradire ti aiuti a chiarire il rapporto con tua moglie e a interrogarti su ciò che ti aspetti dalla tua vita sentimentale.


Un saluto
Andrea


www.riconquistala.com
www.vogliolaragazza.com

“Ero il suo amante. Ora voglio riconquistarla”

Nel mio caso non era la mia ex. Lei è fidanzata da anni con un altro. Quest’anno ci siamo frequentati come “amanti” e all’inizio è stato bellissimo perchè mi vedeva come un tipo fantastico e di valore, affascinante e sicuro di sè. Quello che cercava lei. Ma non ha mai lasciato il suo ragazzo. Le cose sono poi cominciate a precipitare perchè io preso dal nervosismo avevo perso quello smalto iniziale. Mi comportavo da bambino che implorava. Litigavamo. E alla fine mi ha “lasciato” in malo modo, se si puo’ usare il termine lasciare visto che non stavamo assieme. Anche in questo caso si puo’ parlare di riconquistarla? Anche se in realtà non è mai stata la mia ragazza? Cambia qualcosa nel metodo?
Mago

Caro Mago,
Facci caso. Nove volte su dieci, nel triangolo i ruoli sono questi: un compagno storico, che rappresenta la sicurezza ormai priva di attrattiva; in genere è il “bravo ragazzo” che si è guadagnato l’approvazione della famiglia di lei e con il quale lei, razionalmente sa di “dover stare”. All’altro capo c’è l’amante, cioè tu: la libertà la trasgressione — un ruolo non di rado occupato da uomini non del tutto affidabili e mascalzoni. L’hai visto: appena sei uscito dal copione che ti era stato assegnato, sei stato scartato. 
Valuta tu, Mago, se vale la pena continuare in questo gioco delle parti. Le premesse per arrivare al traguardo ci sono tutte: hai maturato una visione lucida della tua situazione e ora conosci le trappole da cui stare alla larga. Si tratta solo di rimboccarsi le maniche applicare il metodo. 
In bocca al lupo,
Andrea

“Sono l’amante. Come posso sbloccare la situazione”"?”

Brevemente. Ho da più di un anno, una relazione con una donna già fidanzata da 7 anni a distanza. la situazione da amante non sembra avere un uscita.questo causa grandi sofferenze, trovandosi anche lei innamorata di entrambi ma nell’incapacità di fare una scelta diversa da questa.
ormai siamo entrati molto pienamente e profondamente nella vita l’uno dell’altra.
mi chiedevo se poteva darmi un consiglio per sbloccarla in funzione di una reale relazione,se possibile.
la ringrazio anticipatamente per la cortesia.

Luca

Ciao Luca,
grazie a te per la tua gentilezza e spero se non ne vorrai se ci diamo del tu. Quella in cui ti trovi impantanato – la classica relazione triangolo – è una geometria che molto spesso rimane in equilibrio proprio grazie alla sua natura precaria. Bisogna essere consapevoli che insistere per “sbloccare” queste situazioni spesso porta al crollo dell’intera impalcatura, per cui la prima opzione che si dovrebbe considerare è quella di lasciare le cose come stanno.


Da ciascuno di voi due, la tua amica attinge risorse diverse e complementari: verosimilmente (per semplificare), stabilità e certezze dal fidanzato “storico”, passione e disimpegno. Se, seguendo l’istinto, tu tentassi di appropriarti del ruolo del fidanzato (per esempio spingendo per una convivenza) rischieresti di apparire ai suoi occhi un doppione dell’uomo che sta tradendo. Quello che ti consiglio, quindi, è di rimanere fedele al tuo ruolo, limitandoti a essere per questa donna gli stimoli che non trova nella routine “ufficiale”. Sul lungo periodo di solito è l’”amante” a vincere, e le donne sono molto più propense di noi maschietti a risolvere le situazioni ambigue. Devi però essere consapevole che questo sviluppo avverrà probabilmente quando lo deciderà lei.

Un caro saluto,

Andrea