Category Archives: Senza categoria

Caro Fabio,
intanto ti ringrazio per il tuo corso che mi stà aiutando molto ed è molto ben fatto.Arrivo al dunque (…) lei mi ha chiamato due volte,la prima non ho risposto (ignorandola),la secondo qualche giorno dopo (…) abbiamo parlato 3 minuti della mia salute (che non riguarda la nostra storia)…insomma un saluto cortese nel quale mi sono congedato per primo senza scoprirmi.

Ora mi assilla un dubbio.Dovevo forse ignorare anche questa sua seconda chiamata oppure è stato meglio cosi? Ho visto in lei la voglia di farmi un sacco di domande alle quali ho divagato con altro. Seconda velocissima domanda…lei su di me sospetta un tradimento (mai avvenuto) prima o poi vorrà delle spiegazioni…quando sarà il momento (se) sarà il momento di dargliele?Grazie infinite caro Fabio.
Un abbraccio dal tuo omonimo.

Caro Fabio,
ben fatto, ma attenzione, perché rischi di cadere in un fraintendimento che vedo spesso: quando, durante il contatto zero, è lei che ti cerca, non devi respingerla. Non devi erigere un muro di gomma contro le sue telefonate (questo sarebbe interpretato come risentimento), bensì limitarti a circoscrivere le tue reazioni: puoi quindi rispondere, ma tenendoti stringato e cortese. Così come hai fatto (bene) alla seconda chiamata.

La cosa importante è che lei capisca che sei diventato inaccessibile, ma sia comunque conscia che esiste uno spiraglio attraverso il quale può forse riprenderti. Da questa prospettiva, tu non sei affatto tenuto a fornirle spiegazioni sulle tue presunte relazioni. Lascia che lavori di fantasia, non farti scrupolo a usare un pizzico di “crudeltà”. Se ti fa domande, rispondi con una battuta, qualcosa del tipo “Ehi ma cos’è tutta questa preoccupazione, mi sembra che io e te siamo solo amici, giusto?”, pronunciato con un bel sorriso. E poi prima che puoi glissa, cercando di spostare la conversazione su temi “non sensibili”.
Con questo protocollo ti gioverai pienamente dei benefici del meccanismo della causa ostativa e realizzerai appieno quel capovolgimento dei rapporti di forza che ti condurrà al risultato.

Un saluto
Fabio

“Disperato appello” per conoscere ragazze

Sto cercando disperatamente un’amica
nella mia provincia ,dato che nel
mondo reale ho spesso fallito per inesperienza. I miei contatti sociali sono ormai quasi
nulli, nessuna costruttiva e soddisfacente frequentazione,ne
ancor meno valida amicizia.
Vorrei poter conoscere e frequentare gente,in particolare ragazze per bene, corrette, spontanee, educate,non superficiali (come ho notato finora), ipocrite o calcolate.

Credo però (almeno per me), che ciò sia impresa ardua, specialmente sul web italiano.
Mi piacerebbe trovare poi un sistema efficace che mi faccia avere più risultati e di
conseguenza sfruttarlo, ed infine cercare di incontrare più donne ogni
singolo mese.
Ora, penso che mi servirebbe tantissimo un manuale che mi faccia da guida.
Ti chiedo quindi di potermelo inviare,se ti è possibile in formato pdf, ma
se proprio non puoi,almeno darmi dei suggerimenti su come scrivere i
messaggi e,soprattutto in quali siti
di incontri o community che tu ritieni siano più validi, che non siano a
pagamento e che magari non richiedano necessariamente una registrazione.
Spero con tutto il cuore che non rifiuterai il mio disperato appello.

Fabrizio

 
 
Caro Fabrizio,
 
premessa: forse non gradirai quello che ti sto per scrivere e se vorrai sarai libero di bollarmi come un cinico venale. Mi dici che vuoi “un sistema efficace che mi faccia avere risultati”, e lo vuoi anche gratis, e mi dici di averne tanto bisogno. Io ti potrei anche regalare una copia di Fidanzato in 30 Giorni, ma con queste premesse puoi stare certo che non ti servirà a nulla. Perché mancherebbe l’ingrediente base: la tua responsabilità. 
 
Trovare la donna che cerchi è molto più facile di quello che probabilmente pensi. Ma finché non ti deciderai a essere responsabile della tua vita non ci riuscirai. Che cosa significa? Significa essere disposti a sacrificare un po’ di convinzioni, un po’ di tempo, magari anche un paio di banconote per quello che si vuole raggiungere. Non mi permetto di farti i conti in tasca, ma se non finché non sarai disposto a investire 24 euro per il corso, dubito potrai sacrificare le tue energie per raggiungere l’obiettivo. Puoi avere a tua disposizione gratis un preparatore olimpico e ricevere in regalo un paio di scarpe da 300 euro, ma non saranno l’allenatore né le scarpe a correre la gara per te!

Comincia da qui, Fabrizio, riscopri la tua responsabilità. Per esempio provando a mettere in discussione la tua scelta di conoscere per forza online, se questa scelta finora ti ha portato a conoscere solo donne superficiali e ipocrite. Se sei rimasto deluso, con tutta probabilità è perché finora ti sei sforzato di pescare in un bacino che non ti apparteneva. Hai mai pensato a quello che piace fare a te? E a come
potresti trasformare qualche tuo interesse in un trampolino per
conoscere qualche persona? “Responsabilità” potrebbe significare domandarti se quella circostanza che tu sembri descrivere come un dato inevitabile – i tuoi contatti sociali sono quasi nulli – può essere cambiata. Non è piacevole (mettersi in discussione non lo è mai), ma è necessario. 
 
Un saluto,
Andrea

Chiedere un appuntamento a lunga scadenza: perché è un errore

Ciao Fabio…è assurdo come io abbia fatto TUTTI gli errori da te descritti nei primi giorni…poi mi sono reso conto che sbagliavo e le ho detto “ci vediamo tra un mese” e lei mi ha già detto di si…non è che questo “aspettarsi già l’incontro” possa cambiar qualcosa? Storia di 8 anni…non siamo MAI stati più di 2-3 giorni senza sentirci
grazie
davide

Ciao Davide,
sì, non è mai una buona idea dare degli appuntamenti nel futuro, perché la tipa si sente “in dovere” di rivederti, mentre dovrebbe “desiderare” farlo. Io proverei con la tecnica del biglietto.
Un saluto
Fabio

“Mi ha lasciato per stare un po’ da sola”

Ciao Andrea,
la mia ex mi ha lasciato per la seconda volta dopo un anno e
mezzo (per stare un po’ da sola dice). Prevedendo la “mazzata” ho agito
subito con il distacco già dagli ultimi giorni della relazione e quando
mi ha lascia mi mostro calmo e distaccato: le dico che non condivido la
sua decisione ma che la rispetto e non accetto il compromesso di
“restare amici” (anche se le ho detto di non poter escludere nulla per
il futuro)… Insomma ho fatto valere la mia dignità di “uomo alfa”.

Ora
è passata una settimana circa e io ho subito iniziato il protocollo: eppure ho paura che lei possa dimenticarmi… Io la
vedo allegra anche se certi post su facebook sembrano riferirsi a me e
alla storia finita. Ci sono possibilità di ribalta anche per me seguendo
il manuale che già una prima volta mi ha aiutato tanto? È possibile che
si faccia viva lei? Grazie mille un saluto

Sebastiano

Caro Sebastiano,
il tuo comportamento post-separazione è stato esemplare. Sei stato un grande (anche se, diciamolo, giocavi in vantaggio: sei già al girone di ritorno!) e ora non devi farti assalire dai timori che sia tutto finito, che sono perfettamente normali quando si fronteggia una situazione di incertezza con un’azione anti-intuitiva. 


Detto ciò, Sebastiano, non ti nascondo che la seconda riconquista è quasi sempre più ardua della prima. Per usare l’immagine che cita Fabio, è come rimettere nel freezer un gelato sciolto, e dal canto mio te lo posso confermare. Per quanto timidi, questi suoi post di Facebook sono segnali che lasciano ben sperare. Una ragione in più perché tu continui a seguire senza sconti il protocollo di azione che ti ha già dato un risultato in passato. 


La cosa migliore per esercitare la virtù della temperanza — quella che ti serve in questo momento — è trovarsi un’attività gratificante cui dedicarsi. Potresti approfittare di questo periodo di “parentesi” sentimentale per dedicarti a uno sport, seguire un corso, imparare qualcosa di nuovo. La probabilità che lei si faccia sentire durante i fatidici 30 giorni è buona, ma anche se ciò non accadesse, scaduto il termine ti sarai rimpinguato di qualità “alpha” e sarai in pole position per farti avanti tu.


In bocca al lupo,
Andrea

Questo sito *non* fa uso di cookie a fini di profilazione o di marketing. A tutela della privacy dei nostri visitatori, utilizziamo solo cookie tecnici strettamente indispensabili alla navigazione e per conteggiare il numero di visite. | Ok, chiudi.