Category Archives: Senza categoria

“Ero il suo amante. Ora voglio riconquistarla”

Nel mio caso non era la mia ex. Lei è fidanzata da anni con un altro. Quest’anno ci siamo frequentati come “amanti” e all’inizio è stato bellissimo perchè mi vedeva come un tipo fantastico e di valore, affascinante e sicuro di sè. Quello che cercava lei. Ma non ha mai lasciato il suo ragazzo. Le cose sono poi cominciate a precipitare perchè io preso dal nervosismo avevo perso quello smalto iniziale. Mi comportavo da bambino che implorava. Litigavamo. E alla fine mi ha “lasciato” in malo modo, se si puo’ usare il termine lasciare visto che non stavamo assieme. Anche in questo caso si puo’ parlare di riconquistarla? Anche se in realtà non è mai stata la mia ragazza? Cambia qualcosa nel metodo?
Mago

Caro Mago,
Facci caso. Nove volte su dieci, nel triangolo i ruoli sono questi: un compagno storico, che rappresenta la sicurezza ormai priva di attrattiva; in genere è il “bravo ragazzo” che si è guadagnato l’approvazione della famiglia di lei e con il quale lei, razionalmente sa di “dover stare”. All’altro capo c’è l’amante, cioè tu: la libertà la trasgressione — un ruolo non di rado occupato da uomini non del tutto affidabili e mascalzoni. L’hai visto: appena sei uscito dal copione che ti era stato assegnato, sei stato scartato. 
Valuta tu, Mago, se vale la pena continuare in questo gioco delle parti. Le premesse per arrivare al traguardo ci sono tutte: hai maturato una visione lucida della tua situazione e ora conosci le trappole da cui stare alla larga. Si tratta solo di rimboccarsi le maniche applicare il metodo. 
In bocca al lupo,
Andrea

Le profezie autoavveranti

Fabio, ho letto il tuo interessantissimo e book. Vengo da una storia a distanza durata 9 mesi con una ragazza di 16 anni a cui tengo più di qualsiasi altra cosa,quest’estate lei mi ha mollato dicendo che non ce la faceva più a continuare dal momento che ero estremamente geloso di lei(in parte vero) e perché ero lontano.
Dopo circa 2 mesi l’ho rifrequentata e lei sembrava starci, ma arrivato alla fatidica domanda lei mi ha risposto che x il momento vuole restare single, perché non riesce a comprendere bene i suoi sentimenti e varie scuse e che se un giorno sarà torneremo come prima.
Questa storia va avanti ormai da 6 mesi, anzi, il più delle volte è lei a chiamarmi. Come posso riconquistare il suo cuore visto che tra poco dobbiamo rivederci???  Ti prego fammi sapere!!! Mario Caro Mario,
io credo che il tuo problema sia un po’ meno drammatico di come lo vedi. Sembra che tu sia prigioniero dell’ansia di “mettere un’etichetta” a questo rapporto (la “fatidica domanda” di cui parli") al punto di non vedere il dato di fatto: questa ragazza è rimasta con te e io credo che tu non abbia bisogno di riconquistarla, perché è già tua. Semplicemente, sforzarti di abbandonare la tua gelosia e smettila di chiederle conferme: sono manifestazioni di insicurezza che agiscono come profezie autoavveranti, spingendo la storia proprio verso quella deriva che vorresti scongiurare.
Un saluto,
Fabio

Come "educare" una ragazza

Caro Fabio,
sarò noioso ma, ringraziandoti ancora una volta per aver fatto tornare la mia ragazza, provo a farti una nuova domanda. Come ricorderai uno dei motivi per cui lei mi lasciò, come tu mi aiutasti a capire, era che io ero troppo “molle” e remissivo nei suoi confronti. Adesso ho imparato, come dici tu, a “mettere i paletti”, ma certe volte la tecnica non funziona bene, ovvero io mi impunto su qualcosa, le dico che non va bene ma lei non se la mette via, anzi mi risponde male e iniziamo a litigare. Ieri per esempio abbiamo fatto un litigio per un motivo banalissimo (…) io sono rimasto fermo sulle mie posizioni ma lei se l’e’presa proprio e dice se continuiamo a litigare e’meglio che ci lasciamo ancora.

Giampiero

Caro Giampiero,
pubblico la tua mail perché offre lo spunto a un argomento interessante: come “educare” una ragazza. Dal corso hai imparato che è importante delimitare le condotte femminili con una serie di chiari “paletti” e salvaguardarli con un sistema di premi e sanzioni. Dalla tua lunga mail, che ho tagliato, ho ricevuto l’impressione che proprio sulle “sanzioni” il tuo sistema abbia qualche falla.


La regola fondamentale è non sanzionare la ragazza ma il comportamento. In soldoni, se lei per esempio ti manca di rispetto curando la sua corrispondenza di sms mentre è a cena con te, la reazione corretta è qualcosa del tipo: “Ehi, non mi sembra sia una buona idea stare insieme per dedicarsi al telefonino. Facciamo così: siccome mi sembra che abbiamo tutti e due delle cose da fare, ci vediamo un’ altra volta a cena quando siamo più rilassati, ok?”


In questo modo, accompagnando la tua frase con un tono disteso e cortese, tu ti focalizzi sul comportamento e lo sanzioni con una precisa “punizione”. Se invece te ne vieni fuori con un tono piccato e una frase del tipo “Perché mentre siamo insieme passi il tempo a mandare messaggi? Mi sembra che tu sia maleducata!” allora la tua sanzione è diretta verso la persona. E’ facile così innestare una spirale distruttiva con lei che, anziché correggersi, si mette sulla difensiva oppure contrattacca rivangando altre tue intemperanze vere o presunte. In breve tempo questo genere di sanzioni “distruttive” può portare alla reciproca ostilità e alimentare una sensazione di incompatibilità. Se al contrario tu riesci a esprimere i tuoi appunti in maniera costruttiva, lei non solo sarà indotta a correggere i comportamenti errati, ma ti percepirà sempre più come il “giudice” della sua condotta e sarà inconsciamente incentivata a  ottenere la tua approvazione mostrando comportamenti “virtuosi”.


E’ un sistema che funziona molto bene con i bambini, ma — lo vedrai — anche con gli adulti.


Un saluto

Fabio

“Mi ha liquidato dicendo che ha bisogno di ‘solitudine sentimentale’”

Ciao Fabio, dopo una storia a distanza tira e molla (pensa un po’che situazione!) lei mi liquida dicendo che pensa ancora al suo ex e che ora ha voglia di solitudine sentimentale. Smetto di sentirla, lei si fa viva con una mail in cui mi dice di sentirsi bene e che forse un giorno potremmo riprendere i contatti ed essere amici… ‘mo che faccio?
Federico Ciao Federico,
altro che solitudine sentimentale. Questo genere di distacchi ha invariabilmente una motivazione inconfessabile: lei vuole guardarsi in giro e misurare il suo potere di attrazione su altri maschi.  La sua mail, e quelle che seguiranno, sono espedienti con cui lei cerca la conferma di avere sempre il controllo su di te, metti che le sue “perlustrazioni” vadano male.
Visto che mi parli di una storia “tira e molla”, è probabile che in passato la tua disponibilità sia già stata superiore alla modica quantità; ora è il momento di mostrarle che non è una risorsa illimitata. Ignora la sua mail, e le altre che seguiranno, fino a che i suoi tentativi di comunicare si faranno insistenti. A quel punto potrai “concederle” la tua attenzione.
Un saluto
Fabio

Questo sito *non* fa uso di cookie a fini di profilazione o di marketing. A tutela della privacy dei nostri visitatori, utilizziamo solo cookie tecnici strettamente indispensabili alla navigazione e per conteggiare il numero di visite. | Ok, chiudi.