Category Archives: Senza categoria

Una situazione che non si sblocca

Ciao andrea,
giorno dopo giorno capisco che il manuale è una guida per la vita, non solo per le relazioni.
Sintetizzo: dopo vari contatti zero e tentativi di riaggancio andati
male continuo con il training e applico un contatto zero di 3 mesi, dopo
incontri casuali nei locali (andati bene)e qualche sms,  la richiamo,
lei sembra serena ma non accetta di uscire per le solite paranoie che
non siamo amici. Non insisto troppo e lascio passare una settimana. La
ricontatto con sms e lei risponde anche sorridendo a qualche battuta.
Dopo qualche giorno la richiamo e ripropongo, lei sembra infastidita, le
solite paranoie e poi  mi dice che mi presenta una sua amica. Rispondo
con una battuta per sdrammatizzare e dico che non ho bisogno che mi
presentino ragazze, uso gli escamotage del corso, ma comunque non
accetta. Il mio mindset non è subordinato ma lei è davvero capricciosa.
Come sbloccare sta situazione?Sono sicuro che se riesco a portarla fuori
la riconquisterò, ma se non accetta non ho occasioni.
Sole

Ciao Sole,
la mia impressione è che tu sia un tipo davvero in gamba alle prese con un osso davvero duro. Quando si fatica a ottenere l’incontro di riaggancio il rischio è che i ripetuti tentativi sviluppino nella ragazza una sorta di difesa preventiva: “lui mi sta chiamando > so che mi chiederà di uscire > devo trovare una scusa”. Il “no” diventa così quasi un riflesso condizionato, o una questione di principio. 

Quello che bisogna fare per scongiurare questa deriva è rendersi imprevedibili. La prossima volta che la chiami, per esempio, potresti semplicemente scambiare quattro chiacchiere e concludere la telefonata senza alcun invito. Aspettandosi una proposta, lei ne sarà spiazzata. Quando deciderai di ripetere il riaggancio, potrai fare qualcosa di simile, proponendole per esempio una location o un orario molto diversi dalla proposta precedente, oppure o un’attività che non si aspetta. In quell’occasione non esitare a sfoggiare tutta la tua determinazione, a costo di metterla alle strette. Tipo: “Ok, basta chiacchiere, ti passo a prendere domani alle sette”. Se dovesse andare male anche al nuovo giro, mantieni la tua serenità e dopo qualche giorno riprendi i contatti di nuovo, a intervalli non prevedibili e senza mostrare nell’immediato che hai seconde finalità. Gioca per un po’ su questa alternanza fra fermezza e disinteresse, e vedi se la situazione si sblocca.

Te ne sarai reso sicuramente conto: ti tocca camminare su un crinale stretto, con il pericolo di cadere nella pericolosa palude dell’ “affettuosa amicizia”. Ma questa è l’unica via che in questo momento puoi percorrere. Hai fatto un buon lavoro e se riesci mostrarti fermo, gentile e determinato a perseguire i tuoi obiettivi la tua amica prima o poi non potrà fare a meno di accorgersi di che pasta sei fatto.

Un saluto,
Andrea

Come reagire alle paranoie femminili

Ho conosciuto una ragazza (da quasi 2 mesi ), ho seguito il corso ed è andato tutto perfettamente (bacio, conoscenza genitori suoi e miei, sesso non completo ma in progressione).
Una sera, in un locale, mi ha detto che teneva ancora al suo ex, io gli ho fatto capire che non ci stavo e quindi me ne sono andato, lei ha tentato di fermarmi ma alla fine sono andato via.
Il giorno dopo mi richiama, per sapere come sto. In un secondo momento sono andato a casa sua… (breve discussione in cui mi dice che gli dispiace ma non riesce a dimenticare l’ex che l’ha tradita e aggiunge che ha bisogno di tempo)

…per portargli un regalo che avevo preso per il suo compleanno e le ho detto che per me non aveva più senso tenerlo perché mi dava solo fastidio vederlo li, poi sono andato via.
Lei mi ha ringraziato per sms, io le ho detto di ritornare con il suo ex e lei risponde che non può farlo.
Da qualche giorno non la sento più…
Non so se ho agito bene con quel regalo … che fare? Aspetto che mi contatti lei oppure mi faccio avanti io?  Tra pochi giorni è il suo compleanno!


Ciao Giordano,
guarda è sempre bene non dare troppa corda a discorsi della serie “ho bisogno di tempo”, “non riesco a dimenticare il mio ex”. Il modo migliore per disinnescare queste remore è prestare ascolto per il tempo strettamente necessario e poi continuare il corteggiamento come nulla fosse. Ricorda sempre: le parole contano zero, a contare è l’azione.

Per cui, hai fatto bene a non dilungarti ma probabilmente alzare un muro e mostrarsi piccati come hai fatto tu non è stata la scelta migliore. Aspetta ancora qualche giorno, non si sa mai che si faccia sentire, altrimenti approfitta del compleanno per farle gli auguri con cordialità e senza tornare sull’episodio.
Un saluto e in bocca al lupo!
Andrea

“L’ho riagganciata alla grande. Ma ora cominciano i dubbi.”

Caro Benedet, che Dio ti benedicaaaaa!!!! Ieri ho fatto l’incontro di riaggancio dopo un mesetto che seguivo i manuali ed è andata meglio di quanto non avrei mai osato sperare. Della serie che arrivati al momento del saluto è stata lei a chiedermi di stare un altro pò insieme… e insomma per fartela breve siamo saliti a casa di sua sorella, che non c’era, e abbiamo fatto l’amore, ma l’abbiamo fatto con una passione da far venire le lacrime di gioia. A un certo punto mi ha sussurrato anche “Sono felice con te”. Allora che cosa vuoi ancora??, mi dirai. Il problema è questo: che lei è ancora “ufficialmente” fidanzata con il tipo con cui ha comunciato a uscire dopo la nostra storia. QUando ci siamo salutati io non ho detto niente come tu suggerisci, ma l’ho vista rabbuiarsi improvvisamente e mi ha detto “è stato bello” con il tono malinconico di una che pensa a un bel ricordo nel passato. Io non ho risposto niente e sono andato via con un sorrisino, ma adesso iniziano per me le paranoie. Insomma, adesso cosa faccio? Ho paura che sia tutto un bel sogno e non voglio rovinare tutto proprio adesso. Ti prego consigliami, grazie infinite di esistere!

Paolo

Caro Paolo,
punto primo: se sei arrivato a questo traguardo non puoi permetterti di avere delle paraoie. Devi essere invece fiero di te stesso, e ricordare che il risultato che hai ottenuto non è un regalo che ti faccio io o la fortuna, bensì un obiettivo che hai raggiunto con il tuo impegno. Così come l’hai raggiunto ora puoi consolidarlo.
Punto secondo: se lei  ha compiuto questo passo ormai il processo è avviato. Il tuo rivale potrà recuperare momentaneamente terreno negli interessi della tua ragazza, ma è chiaro che ormai lui sarà sempre di più condannato al ruolo di seconda scelta. A un patto: che tu mantenga il protocollo vincente che hai sviluppato finora. A comincinare dalle prossime mosse: invece di cedere alla tentazione di elemosinare la sua attenzione o struggerti nell’attesa di un segnale, dedicati per qualche giorno a te stesso. Rituffati nella tua vita e aspetta che si faccia sentire lei. 


Un saluto,
Andrea

Ce l’ho fatta?

Ciao Andrea,
seguendo il manuale durante le festività ho ottenuto alcuni contatti via whats’app da parte della mia ragazza, che seguendo le tue istruzioni ho piano piano convertito con una richiesta d’incontro da parte sua, con la scusa che voleva dirmi delle cose. L’incontro si è concluso con un bacio in cui lei si era avvicinata a me con fare abbastanza esplicito e io allora l’ho assecondata, staccandomi per primo come tu suggersici. Dopo questo incontro, avvenuto il primo gennaio, silenzio stampa, lei non si è fatta sentire e io ora non so che fare… Non so neanche se l’ho riconquistata ho meno!! Ti prego dimmi qualcosa se ne hai la possibilità, te ne sarò grato. Io ho 38 anni lei 32 ed eravamo stati insieme 3 anni fino allo scorso 7 novembre
Un buon anno pieno di ringraziamenti per quello che hai fatto per me con il tuo libro.
Gabriele

Caro Gabriele,
che sei sulla buona strada mi sembra evidente (bravo!), e il fatto che l’iniziativa sia stata più o meno sempre a carico della tua ex segna un punto a tuo favore. Questo stato di cose ti autorizza a “tirartela” ancora un po’. Aspetta ancora qualche giorno i suoi segnali, sempre che non siano già arrivati dopo che mi hai scritto, e “concedile” un nuovo incontro. Se invece non si facesse viva, invitala tranquillamente tu. In caso di dissonanze decisionali, possibili in questa situazione (tipo lei che ti dice “è stato un momento di debolezza, scusami” o cazzate del genere) sdrammatizza con una battuta e dille che avresti piacere di vederla solo come amici.

Buon anno anche a te e grazie
Andrea