RICONQUISTARE UN UOMO, RICONQUISTARE UNA DONNA

Category Archives: Senza categoria

Lei si fa viva, ma con segnali contrastanti

La mia storia, durata 5 mesi e poco più, è finita a causa di una convivenza forzata nella quale mi sono ritrovato a essere troppo “appiccicoso”, e lei puntualmente mi ha scaricato con le solite scuse (voglio stare da sola, rimaniamo amici). 
 
Dopo aver reagito parecchio e aver mandato alcune mail pietose con puntuali risposte impietose, ho letto il libro e ho cercato di calmarmi. Dopo qualche giorno di silenzio ho ricevuto una mail molto fredda nella quale lei sosteneva di poter andare avanti e mi invitava a fare lo stesso (premetto che io ho tagliato bruscamente qualunque contatto, fino a rimanere a casa per paura di incontrarla). 
 
La mattina seguente, ricevo un’altra mail in cui lei mi dichiarava di avere la febbre e di stare male (per me?) e mi augurava buona fortuna per un appuntamento di lavoro. Alla mia risposta “grazie. spero che con il lavoro vada tutto bene” mi ha mandato a quel paese scrivendomi che la mia ironia la irritava e che aveva perso troppo tempo su di me. 
 
Ho ricevuto poche ore dopo una chiamata piena di scuse (in lacrime) nella quale mi spiegava che era rimasta sorpresa perchè non mi ero preoccupato del suo stato di salute (d’animo). L’ho semplicemente liquidata senza essere eccessivamente freddo. Ora Fabio ti chiedo qual’è la prossima mossa? Pensi che i tempi siano maturi considerando che è passato un mese

da quando ci siamo lasciati? (sebbene abbia fatto parecchi errori)

Fabrizio, 

passata la bufera iniziale, ti stai muovendo molto bene e, come vedi, stai iniziando a cogliere i risultati della tua strategia.

Molti uomini si “spaventano” di fronte al segno dei primi segnali di riconquista: spessissimo la donna si rifà viva con recriminazioni, rimproveri, addirittura insulti. In realtà questi sono segnali altamente positivi — un modo in cui la ragazza cerca  di suscitare una tua reazione e, contemporaneamente, di saggiare se il tuo “nuovo corso” è un bluff oppure ha solide fondamenta. Sono l’equivalente del pianto femminile, una sorta di disperato tentativo di mettersi al centro dell’attenzione.

Ricordati sempre di reagire a queste incursioni adottando un rigoroso protocollo “alfa”: sangue freddo, non raccogliere le provocazioni, formale cortesia, magri una punta di paternalismo, così come faresti di fronte a una bambina capricciosa. 

Quanto alle prossime mosse, Fabrizio, ti suggerisco un minimo aggiustamento rispetto al protocollo del corso: non fare passi, ma aspetta che sia lei a chiederti un incontro. Quando accadrà, osserva scrupolosamente le regole del capitolo 10, specie per quanto riguarda la durata dell’incontro. I rapporti di forza stanno tornando a tuo favore, usa bene il tuo vantaggio.

Un saluto

Fabio



www.riconquistala.com

Amico con diritti speciali

Ciao Andrea, rapidamente: relazione breve, prima solo contatti virtuali
per quasi un anno. Lei distante, ora io mi sposto per lavoro nel suo
paese, ma scopro che ha un “friend with benefits” con cui si vede, con
me sempre fredda, distante e indifferente alle mie proposte! Nessun
segno di gelosia o di interesse, fino a qualche settimana fa invece
qualche commento su facebook lo lasciava. Sono abbastanza demoralizzato,
sembra che tutto il lavoro su me stesso, le mie ambizioni e i sogni non
siano serviti a nulla. Lei vuole divertirsi da single, nulla di più e
non crede che la nostra storia possa avere futuro in ogni caso.

Guglielmo

Ciao Guglielmo,
bene la brevità, te ne sono grato, però non mi dici un paio di cosette che nel tuo caso sarebbero state utili: la vostra età, come è cominciata, com’è finita… Se capisco bene, stiamo parlando di una breve avventura, che tu hai provato a trasformare in una storia mantenendo vivi i contatti a distanza. Mancando un vissuto comune, la faccenda andrebbe allora gestita come una conquista, più che una riconquista. Il che, sempre se interpreto correttamente il tuo caso, giocherebbe a tuo favore, poiché non ci sarebbero schemi negativi da resettare. Approfitta del tuo trasferimento, che ti faciliterà un bel po’ le cose con la vicinanza, e riprendi il corteggiamento lì dove si era interrotto. Ora che sei sul posto, puoi permetterti il lusso di andare dritto al punto, senza perdere tempo nelle verbosità dei contatti virtuali. Mostrati determinato e preoccupati innanzitutto di servire alla tua amica quello che vuole: divertirsi da single, come dici tu. Il resto, se verrà, verrà da sé. Quanto a questo “friend with benefits”, se è effettivamente tale, ossia non è una storia seria, non dovrebbe darti grossi problemi.


Un saluto,
Andrea

"La manco ogni secondo"

Mi ha lasciato da 15 giorni circa,ho comprato e letto il tuo libro riconquistala. (…) Nei giorni precedenti all’invio del “messaggio” mi ha scritto un sms dicendo “anche se non ti importa e le mie parole adesso non servono a niente,mi manchi ogni secondo,mi manca tutto di noi..”Su fb pubblica sempre video o frasi che sembrano alludere sempre al fatto che le manco ma non trova soluzione perché abitiamo lontano.

Ho paura di stare tagliando i ponti eccessivamente perchè magari lei mi ama ancora e il vero motivo per cui mi ha lasciato è veramente causa della lontananza e dei suoi problemi familiari.Che faccio?

Gabry

Caro Gabry,
la tua ragazza sembra gratificarsi di questo melodramma sentimentale. Finché le stai un passo indietro rimani complice di questo suo giochino e fornisci carburante alle sue smancerie.

Invece tu dovresti farle capire che fai sul serio: gira i tacchi e vattene se vuoi che anche lei passi ai fatti.

Un saluto

Fabio

Riconquiste e gesti plateali: perché (putroppo) non funziona

Mi scrive l’amica Costanza da Roma per segnalarci una curiosa presenza apparsa  qualche notte fa sui muri della capitale italiana. Un certo Gianluca, a quanto pare, sta cercando di recuperare la sua attraverso un messaggio di scuse affisso su un manifesto. Se leggete, vi troverete  il classico messaggio dell’uomo zerbinato, culminante con un prevedibile “ti amo”.

Mi spiace per questo Gianluca (anche se qua in Svizzera agli imbrattatori non la facciamo passare liscia), ma credo proprio che, dopo questa mossa, le sue chance di recuperare Camilla coleranno a picco.

Le mosse plateali, purtroppo, nella riconquista non funzionano. Perché non servono a chi le riceve, bensì esclusivamente a chi le fa. La ratio di questo genere di iniziative è tipicamente questa: lei mi ha lasciato > ha verbalizzato il motivo > ho applicato le correzioni che lei mi ha indicato > lei non mi vuole comunque (“non si fida”) > mi sento frustrato > devo fare qualcosa > farò qualcosa di straordinario, epico, per dimostrarle che può fidarsi.

ERRORE, Gianluca! Certo, ti sei sfogato, ma ora ne pagherai il conto, perché quello che succederà sarà ben diverso. La tua donna non si sveglierà nella consapevolezza di aver lasciato un romanticone, bensì un uomo impulsivo incapace di temperanza. Le tue scuse a grandi lettere non saranno un atto di coraggio, bensì il suggello della tua debolezza. Anziché protetta dal suo uomo, si sentirà assediata, nuda e fragile di fronte all’intromissione inconsulta nella sua sfera più privata. Tutti gli occhi punteranno su di lei, “quella che stava con quello dei manifesti”. Dovrà giustificarsi con la portinaia e con i vicini. Suo padre e suo fratello le diranno “guarda quel cretino con cui stavi cosa ha fatto”. Si chiederà “fino a che punto puoi arrivare” e, da qua a bollarti come uno stalker, la strada sarà breve.

“Non fare”, caro Gianluca, è spesso più difficile che “fare qualcosa”. Ma riconquistare una donna con un gesto plateale è una tattica che puoi vedere funzionare solo in qualche filmetto. Se mai leggerai queste righe, caro Gianluca, ti auguro che i fatti mi avranno smentito. Ma se, come credo, il guaio sarà fatto, non disperare. Fai un passo indietro, prenditi il mio corso Riconquistala e datti da fare – questa volta seriamente – per recuperare la tua Camilla con una strategia seria e ponderata. Chissà che tu possa ancora riuscirci.

Fabio