Category Archives: verbalizzazioni

Quando lei ti dice “non ti amo più”

Andrea,
ti racconto brevemente la mia storia.
La mia era una relazione a distanza. Dopo  circa 2 anni felicissimi, un giorno lei mi dice: il mio sentimento per te è cambiato.
Dopo di che, inspiegabilmente, non riesce a staccarsi da me e mi chiama anche 2 volte al giorno.
Allora io le do un ultimatum chiedendole di prendersi qualche giorno per pensare: alla fine lei mi dice che sul sentimento cambiato non si era proprio sbagliata, pur continuando a volermi molto bene.
A questo punto io smetto di contattarla, iniziando i 30 giorni di n.c. ma lei continua a chiamarmi periodicamente (io le risp. senza darle troppa corda e mostrandomi molto impegnato, quindi chiudendo in fretta la conversazione). Finchè domenica mi ha telefonato quasi piangendo, dicendo che stava pensando alle cose belle fatte con me e chiedendomi con aria preoccupata se avessi un’altra.
Ora io sto continuando con il mio periodo di training.
Mi dai un opinione su come stanno andando le cose?
Aspetto tua risposta
Ciao
Andrea

Ciao Andrea,
spero che il maggior numero possibile di ragazzi preoccupati per le “dichiarazioni di ostilità” femminili legga la tua lettera, emblematica del poco peso che hanno le verbalizzazioni. Che cosa sarebbe successo se tu, dopo esserti sentito dire “il mio sentimento è cambiato”, avessi reagito come il 99% degli uomini in una situazione simile? Che cosa sarebbe accaduto se ti fossi messo ad argomentare, a pretendere e offrire spiegazioni, a chiedere incontri? Probabilmente la tua amica starebbe ancora correndo.


Invece, vincendo l’istinto, hai fatto qualcosa di molto diverso: hai iniziato a concentrare le tue energie sul training, adottando con la ragazza un protocollo di comunicazione corretto. I risultati sono quelli che stai vedendo: lei è a un passo dallo sbavarti dietro. Continua serenamente così, Andrea, e aumenta leggermente il distacco, giusto per non rischiare di finire nella zona amicizia. Quando lei ti chiederà un incontro, concediglielo, ma falle capire che è una tua magnanima concessione.


In bocca al lupo,
Andrea

Come sedurre la cognata

Ciao, ho appena acquistato il tuo libro ed è fantastico! Ho 37 anni e sono sposato da 5. Da qualche mese mi sono innamorato di mia cognata,anch’essa sposata (ma credo insoddisfatta). La mia è attrazione fisica,ma anche intellettuale in quanto è molto raffinata, elegante e passionale,esattamente come me.Molto spesso in presenza dei partner e amici lei mi fa battute a sfondo sessuale a cui io ribatto a tono.Ieri mi sono deciso a dichiararmi;lei mi ha detto che che non dirà niente a nessuno, ma non potrebbe mai fare una cosa simile a sua sorella.Come posso conquistarla?
Grazie in anticipo
   Francesco

Ciao Francesco,


la risposta che hai avuto alla tua “dichiarazione” è l’unica risposta che tua cognata avrebbe potuto darti: come tutte le verbalizzazioni, non fa altro che rispecchiare una constatazione del senso comune, senza rivelare autentiche intenzioni.  La verità è che dichiarazioni e risposte contano zero. Conquiste (e riconquiste) si costruiscono con il comportamento: se questa donna ti piace, agisci. Provaci esplicitamente. Oggi. Il tuo ardimento sarà ai suoi occhi la più seducente testimonianza del tuo valore maschile.


Mi permetto di aggiungere che un tradimento, anche quando riesce, non è mai una vittoria. Spero che questo tuo desiderio di tradire ti aiuti a chiarire il rapporto con tua moglie e a interrogarti su ciò che ti aspetti dalla tua vita sentimentale.


Un saluto
Andrea


www.riconquistala.com
www.vogliolaragazza.com

“Lei vuole diventare solo un’amica per me”

Andrea, una mattina ho incontrato accidentalmente la mia ex alla fermata del pullman. Una volta sedutomi sulla panchina su cui c’era lei, l’ho salutata come un conoscente in buoni rapporti (dicendo il suo nome con un mezzo sorriso), si alza dalla panchina e mi saluta con tono molto confidenziale chiedendomi come stessi. Ho risposto e ricambiato la domanda, poi siamo tornati ai nostri posti.
Ho saputo che lei è molto ferrata sul diventare SOLO un’amica per me “a patto che io non voglia altro” e che le piacerebbe parlare con me ma vuole trovare la giusta occasione. Aiutami Andrea, ho paura di scivolare in zona amicizia. Come posso sconfiggere questa sua “barriera-amicizia” che mi ostacola dal riaverla? Grazie mille in anticipo.
Al

Ciao Al,
pensa all’ultimo film che ti è piaciuto. Intendo, uno di quei film in cui ti immedesimi nel protagonista, ti appassioni alla sua avventura, fai il tifo per lui e quando esci dal cinema ti viene voglia di essere un po’ come l’eroe. Che cosa ti ha affascinato di quel personaggio? La sua filosofia? Le sue dichiarazioni di principio su cosa sia giusto o sbagliato? I progetti di vita che ha enunciato durante il film? Niente di tutto questo: quello che ti sarà piaciuto saranno state le sue AZIONI. Noi scegliamo, e siamo scelti, in base a quello che facciamo (comportamento), non in base a ciò che annunciamo (verbalizzazioni). Quello che dice la tua ex non ti deve interessare. In realtà non dovresti nemmeno esserne a conoscenza visto che, come ti spiego nel manuale, sbarazzarsi dei mediatori è uno dei passi propedeutici alla riconquista. L’unica cosa di cui ti devi preoccupare in questa fase è del tuo training. In una parola, preoccupati di agire. 


Un saluto,
Andrea

“Mi ha baciata. Ma ha detto che non è scattato nulla”

Salve,
ho conosciuto un ragazzo in chat, abbiamo trascorso 6 mesi a
conoscerci.. siamo molto simili caratterialmente, unica differenza lui è
un po’ ermetico io istintiva (esplodo subito)..pochi giorni fa abbiamo
deciso di vederci..abbiamo trascorso una giornata insieme..alla fine lui
mi ha baciato perché ha detto che gli è venuto spontaneo, ma ha detto
anche che non è scattato nulla, ma che cmq non decide le cose al primo
incontro..però si è allontanato..cosa devo pensare?
Sara

Ciao Sara,
sembra che nel tuo rapporto sia molto spiccata la dimensione dell’amicizia. E’ una componente importante nello stare bene insieme, ma deve essere affiancata dalla dimensione della passione. Soprattutto nelle prime fasi. 

Insomma, occorre fare battere un po’ il cuore a questo ragazzo! Come? Per prima cosa, non fargli pressione e concediti almeno una settimana di distanza per vedere se fa qualche mossa verso di te. Dopodiché potresti provare a mostrare un pizzico di’ “spregidicatezza” e di intraprendenza nelle tue avance quando sarai con lui. Sfruttata a piccole dosi ben assestate, l’iniziativa femminile può diventare un potente catalizzatore di fantasie. Cerca invece di non dare peso alle sue spiegazioni: parlasi addosso è un killer dell’attrazione.



In bocca al lupo,
Andrea