Un incontro casuale

Ciao Fabio , ho letto il tuo libro e ho iniziato a seguire il metodo. Al momento mi ha fatto sentire meglio, e ha messo in risalto gli errori commessi con la mia ragazza ( lettere..telefonate) sono passati 15 giorni di contatto zero e l’altro giorno per caso l’ho incontrata in città..si è girata dall’altra parte fingendo di guardare le vetrine anch ese ha avuto un istante di esitazione . questa freddezza mi ha colpito molto , lei è una ragazza emotiva..
cosa mi consigli?
grazie
nicola

Caro Nicola,
prova a distogliere per un attimo il pensiero dalla reazione della ragazza e a focalizzarti su come hai affrontato tu questo incontro casuale. Cosa comunicava il tuo sguardo? Sorpresa, sicuramente, ma forse anche una qualche condizione di bisogno? Il tuo linguaggio non verbale che messaggi mandava? Ti sei forse fermato di soprassalto e lei hai girato intorno per qualche istante come di fronte a un’apparizione della Madonna?

Sono solo ipotesi, Nicola, ma ti servono a riflettere su quello che devi fare in questa fase: concentrarti su te stesso, non sulla tua ragazza. Seguendo il training, puoi star certo che al prossimo incontro casuale non avrai di questi dubbi: la saluterai con vigore e serenità, e se lei ti volterà le spalle fingendo di non vederti, con un bel sorriso e una battuta dal piglio deciso la farai sentire come una ladruncola stanata. A quel punto i rapporti di forza avranno già cominciato a capovolgersi e potrai affrontare con serenità i passi successivi.

Un saluto
Fabio

Questo sito *non* fa uso di cookie a fini di profilazione o di marketing. A tutela della privacy dei nostri visitatori, utilizziamo solo cookie tecnici strettamente indispensabili alla navigazione e per conteggiare il numero di visite. | Ok, chiudi.